Accedi

26 Ottobre 2021

Perché è consigliato assumere la melagrana? La scienza ce lo spiega

La melagrana è il frutto del melograno, che può iniziare a maturare a fine estate, grazie alle primizie.

La parte commestibile, che rappresenta circa il 50% del totale, è costituita da chicchi interni (gli arilli) e semi.

I chicchi contengono acqua, zuccheri, fibre, vitamina C, vitamina A, potassio ma anche acido citrico e polifenoli, che sono i responsabili di buona parte delle attività protettive comprese quelle antiossidanti e antinfiammatorie.

 

Anche nei semi troviamo numerosi costituenti benefici per il nostro organismo come la maggior parte di fibra, altre vitamine e polifenoli. Eliminandoli, quindi, si perdono un bel po’ di sostanze nutrienti.

 

Il potere antiossidante

I chicchi di melagrana sono leggermente aciduli e si possono consumare in deliziosi piatti come insalate, di frutta e verdura, o come base di ottime ricette. La melagrana è indicata anche nelle diete ipocaloriche apportando solo 68 calorie. La spremuta, invece, è certamente più pratica da preparare rispetto al consumo del frutto al naturale e per garantire all’organismo i benefici di cui il frutto è ricco si consiglia di assumere almeno due bicchieri di succo nell’arco della giornata. Ricca di polifenoli, che sono straordinari antiossidanti naturali, la melagrana aiuta a contrastare i radicali liberi e di conseguenza l’invecchiamento delle cellule e degli organi interni. La melagrana possiede circa il 71% di antiossidanti naturali contro il 40% del vino e il 33% degli altri frutti rossi.

 

Rivitalizza la muscolatura

La melagrana ha un’azione rivitalizzante sui muscoli, ne combatte l’indebolimento, favorendo la formazione di nuovi mitocondri, fondamentali per la corretta funzione della nostra muscolatura.

A garantire questo beneficio è l’azione combinata dell’urolitina A, una sostanza prodotta durante la digestione della melagrana e degli ellagitannini, già noti per la loro azione antivirale, antiossidante e protettiva nei confronti di alcuni tumori.

 

Combatte l’invecchiamento cutaneo

L’urolitina A e gli antocianosidi rendono la melagrana un valido alleato non solo contro l’invecchiamento cellulare e muscolare ma anche cutaneo. La pelle appare elastica e luminosa. Proprio per le proprietà antiossidanti dei polifenoli, questo frutto è utilizzato nella preparazione di creme per ridare elasticità e luminosità alla pelle. Per la stessa ragione, se ne consiglia il consumo a ogni età, ma soprattutto in menopausa quando l’epidermide perde in freschezza e ha bisogno di maggiore idratazione.

 

Poteri anti-tumorali

Una imponente ricerca dell’Università della California ha investigato le proprietà anti-tumorali della melagrana. Nello studio è stato applicato succo di melagrana sulle cellule del cancro alla prostata che erano risultate resistenti alla terapia che si effettua normalmente del testosterone. Dopo aver applicato il succo di melagrana alle cellule tumorali, queste hanno mostrato una maggiore adesione cellulare e, di conseguenza, hanno causato una diminuzione della migrazione verso altre parti del corpo. Tutto questo grazie ai flavoni, ai fenilpropanoidi e agli acidi idrobenzoici. I ricercatori, dopo aver identificato le sostanze benefiche, hanno deciso di modificarle per riuscire a migliorare le loro funzioni e renderle più efficaci per la prevenzione del metastasi del cancro alla prostata, in modo da rendere le terapie farmacologiche molto più efficaci di quelle attuali.

L’acido ellagico è invece capace di inibire la crescita di cellule maligne, impedendo loro di sostituirsi alle cellule sane. Le ricerche sin qui svolte hanno dimostrato che il consumo di succo di melagrana contrasta lo sviluppo del cancro al seno, di quello ai polmoni e di quello alla prostata. Inoltre, i polifenoli e le antocianine presenti in questo frutto sono in grado di opporsi ai danni provocati dai raggi ultravioletti, in modo da prevenire l’insorgenza di melanomi e di altri tumori della pelle.

 

Svolge un’azione antivirale

Inoltre, grazie alla presenza di tannini le melagrane risultano efficaci nell’inibire la replicazione del virus dell’herpes genitale e di bloccare il suo assorbimento nelle cellule sane. Inoltre tiene alla larga i virus influenzali.

 

Ripulisce le arterie

Il succo di melagrana, bevuto regolarmente, agisce come una sorta di anticoagulante naturale. Infatti la sua assunzione aiuta ad aumentare il flusso del sangue verso il cuore e ad abbassare la pressione sanguigna. Non solo, contribuisce anche a diminuire il rischio di malattie cardiovascolari come l’aterosclerosi perché protegge il cuore dalla formazione di placche aterosclerotiche e riduce l’ispessimento delle arterie, quindi è ottimo anche per prevenire l’ostruzione dei vasi sanguigni e diminuire così il rischio di infarti ed ictus. Il succo di melagrana aiuta anche a ridurre il livello delle LDL (colesterolo “cattivo”) nel sangue e ad aumentare quello delle HDL (colesterolo “buono”).

 

La melagrana è ottima anche per i diabetici

Uno studio pubblicato sul National Center for Biotechnology Information dimostra come l’assunzione della melagrana aiuti a prevenire e a migliorare il diabete di tipo 2: da una parte perché riduce lo stress ossidativo, dall’altra perché contribuisce ad abbassare l’indice glicemico.

 

Fa bene a chi soffre di malattie croniche intestinali

L’urotilina A potrebbe contrastare malattie croniche intestinali quali il morbo di Crohn e la colite ulcerosa. Lo afferma uno studio pubblicato su Nature Communications guidato dall’Institute for Stem Cell Biology and Regenerative Medicine di Bangalore, in India, e dall’Università di Louisville, negli Stati Uniti. Secondo i ricercatori, l’urolitina e un suo analogo sintetico, aumentando le proteine che rafforzano le giunzioni delle cellule epiteliali nell’intestino, sarebbero in grado di ridurre l’infiammazione. Una serie di esperimenti in vitro e in vivo hanno rivelato che queste molecole riducono la permeabilità intestinale ripristinando la barriera epiteliale. I ricercatori mirano a portare queste molecole nello stadio di trial clinico sull’uomo. L’obiettivo è sviluppare nuovi trattamenti per le malattie infiammatorie intestinali.

 

 

Melagrana Lome Superfruit è un prodotto 100% naturale proveniente da agricoltura circolare.

Scopri le malagrane, i succhi e gli estratti Lome SuperFruit e comprarli direttamente dal nostro sito online per gustarli in pochissimo tempo, visita il nostro SHOP.

 

26 Ottobre 2021

Perché è consigliato assumere la melagrana? La scienza ce lo spiega

La melagrana è il frutto del melograno, che può iniziare a maturare a fine estate, grazie alle primizie.

La parte commestibile, che rappresenta circa il 50% del totale, è costituita da chicchi interni (gli arilli) e semi.

I chicchi contengono acqua, zuccheri, fibre, vitamina C, vitamina A, potassio ma anche acido citrico e polifenoli, che sono i responsabili di buona parte delle attività protettive comprese quelle antiossidanti e antinfiammatorie.

 

Anche nei semi troviamo numerosi costituenti benefici per il nostro organismo come la maggior parte di fibra, altre vitamine e polifenoli. Eliminandoli, quindi, si perdono un bel po’ di sostanze nutrienti.

 

Il potere antiossidante

I chicchi di melagrana sono leggermente aciduli e si possono consumare in deliziosi piatti come insalate, di frutta e verdura, o come base di ottime ricette. La melagrana è indicata anche nelle diete ipocaloriche apportando solo 68 calorie. La spremuta, invece, è certamente più pratica da preparare rispetto al consumo del frutto al naturale e per garantire all’organismo i benefici di cui il frutto è ricco si consiglia di assumere almeno due bicchieri di succo nell’arco della giornata. Ricca di polifenoli, che sono straordinari antiossidanti naturali, la melagrana aiuta a contrastare i radicali liberi e di conseguenza l’invecchiamento delle cellule e degli organi interni. La melagrana possiede circa il 71% di antiossidanti naturali contro il 40% del vino e il 33% degli altri frutti rossi.

 

Rivitalizza la muscolatura

La melagrana ha un’azione rivitalizzante sui muscoli, ne combatte l’indebolimento, favorendo la formazione di nuovi mitocondri, fondamentali per la corretta funzione della nostra muscolatura.

A garantire questo beneficio è l’azione combinata dell’urolitina A, una sostanza prodotta durante la digestione della melagrana e degli ellagitannini, già noti per la loro azione antivirale, antiossidante e protettiva nei confronti di alcuni tumori.

 

Combatte l’invecchiamento cutaneo

L’urolitina A e gli antocianosidi rendono la melagrana un valido alleato non solo contro l’invecchiamento cellulare e muscolare ma anche cutaneo. La pelle appare elastica e luminosa. Proprio per le proprietà antiossidanti dei polifenoli, questo frutto è utilizzato nella preparazione di creme per ridare elasticità e luminosità alla pelle. Per la stessa ragione, se ne consiglia il consumo a ogni età, ma soprattutto in menopausa quando l’epidermide perde in freschezza e ha bisogno di maggiore idratazione.

 

Poteri anti-tumorali

Una imponente ricerca dell’Università della California ha investigato le proprietà anti-tumorali della melagrana. Nello studio è stato applicato succo di melagrana sulle cellule del cancro alla prostata che erano risultate resistenti alla terapia che si effettua normalmente del testosterone. Dopo aver applicato il succo di melagrana alle cellule tumorali, queste hanno mostrato una maggiore adesione cellulare e, di conseguenza, hanno causato una diminuzione della migrazione verso altre parti del corpo. Tutto questo grazie ai flavoni, ai fenilpropanoidi e agli acidi idrobenzoici. I ricercatori, dopo aver identificato le sostanze benefiche, hanno deciso di modificarle per riuscire a migliorare le loro funzioni e renderle più efficaci per la prevenzione del metastasi del cancro alla prostata, in modo da rendere le terapie farmacologiche molto più efficaci di quelle attuali.

L’acido ellagico è invece capace di inibire la crescita di cellule maligne, impedendo loro di sostituirsi alle cellule sane. Le ricerche sin qui svolte hanno dimostrato che il consumo di succo di melagrana contrasta lo sviluppo del cancro al seno, di quello ai polmoni e di quello alla prostata. Inoltre, i polifenoli e le antocianine presenti in questo frutto sono in grado di opporsi ai danni provocati dai raggi ultravioletti, in modo da prevenire l’insorgenza di melanomi e di altri tumori della pelle.

 

Svolge un’azione antivirale

Inoltre, grazie alla presenza di tannini le melagrane risultano efficaci nell’inibire la replicazione del virus dell’herpes genitale e di bloccare il suo assorbimento nelle cellule sane. Inoltre tiene alla larga i virus influenzali.

 

Ripulisce le arterie

Il succo di melagrana, bevuto regolarmente, agisce come una sorta di anticoagulante naturale. Infatti la sua assunzione aiuta ad aumentare il flusso del sangue verso il cuore e ad abbassare la pressione sanguigna. Non solo, contribuisce anche a diminuire il rischio di malattie cardiovascolari come l’aterosclerosi perché protegge il cuore dalla formazione di placche aterosclerotiche e riduce l’ispessimento delle arterie, quindi è ottimo anche per prevenire l’ostruzione dei vasi sanguigni e diminuire così il rischio di infarti ed ictus. Il succo di melagrana aiuta anche a ridurre il livello delle LDL (colesterolo “cattivo”) nel sangue e ad aumentare quello delle HDL (colesterolo “buono”).

 

La melagrana è ottima anche per i diabetici

Uno studio pubblicato sul National Center for Biotechnology Information dimostra come l’assunzione della melagrana aiuti a prevenire e a migliorare il diabete di tipo 2: da una parte perché riduce lo stress ossidativo, dall’altra perché contribuisce ad abbassare l’indice glicemico.

 

Fa bene a chi soffre di malattie croniche intestinali

L’urotilina A potrebbe contrastare malattie croniche intestinali quali il morbo di Crohn e la colite ulcerosa. Lo afferma uno studio pubblicato su Nature Communications guidato dall’Institute for Stem Cell Biology and Regenerative Medicine di Bangalore, in India, e dall’Università di Louisville, negli Stati Uniti. Secondo i ricercatori, l’urolitina e un suo analogo sintetico, aumentando le proteine che rafforzano le giunzioni delle cellule epiteliali nell’intestino, sarebbero in grado di ridurre l’infiammazione. Una serie di esperimenti in vitro e in vivo hanno rivelato che queste molecole riducono la permeabilità intestinale ripristinando la barriera epiteliale. I ricercatori mirano a portare queste molecole nello stadio di trial clinico sull’uomo. L’obiettivo è sviluppare nuovi trattamenti per le malattie infiammatorie intestinali.

 

 

Melagrana Lome Superfruit è un prodotto 100% naturale proveniente da agricoltura circolare.

Scopri le malagrane, i succhi e gli estratti Lome SuperFruit e comprarli direttamente dal nostro sito online per gustarli in pochissimo tempo, visita il nostro SHOP.