Lo shopping continua online! -20% sui nuovi arrivi con il codice IORESTOACASA | Fino al 13 aprile

Accedi

Blog

08 Gennaio 2021

Frutta ai bambini: il tuo alleato naturale per la loro crescita

La frutta è un alimento tra i più buoni e sani che si possa trovare in natura, ricco di vitamine e sali minerali da cui provengono proprietà benefiche per la salute di noi adulti ma soprattutto dei più piccoli. Infatti sembra essere assolutamente indispensabile per il loro benessere proprio grazie alle ricchezze che questo cibo contiene.   I genitori sanno bene quanto indispensabile sia la frutta per garantire una crescita sana ed equilibrata del bebè infatti, a partire dai 4 mesi è possibile integrare il latte materno o in polvere con della frutta adatta a questa età.   Frutta: la principale fonte di nutrimento La presenza di vitamine, fibre e sali minerali fa della frutta un alimento insostituibile. Le prime, per esempio, sono indispensabili per l'assimilazione di altre sostanze tra cui proteine, zuccheri e grassi, e sono il motore che permette di innescare alcuni processi necessari per la vita. È ben risaputo che frutta e verdura sono ricche di fibre, ma a cosa servono? Sono molteplici le funzioni di questo costituente, tra le più comuni troviamo la capacità di far transitare le scorie e garantire una motilità intestinale efficace. I sali minerali, dal canto loro, sono fondamentali per la regolazione dei liquidi corporei e, come nel caso del potassio contenuto nel melograno, servono per l'equilibrio idrosalino.   La frutta, come anche la verdura, contiene sostanze capaci di modulare il metabolismo contribuendo alla costruzione e al mantenimento del benessere psico-fisico del bambino. Le sostanze, nell’insieme o singolarmente, fungono da antiossidante, antinfiammatorio, detossificante, antibatterico ma per poter agire nel giusto modo è stato assegnato dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) un quantitativo di frutta giornaliero da inserire nella propria routine o in quella dei propri bambini.   Quante porzioni di frutta è consigliato far assumere ai bambini L’OMS suggerisce che per i bambini è consigliato far consumare 3 porzioni di frutta e 2 di verdura al giorno. Molte mamme e molti papà si chiedono come poter inserire nell’alimentazione quotidiana dei più piccoli la frutta, questo perché spesso non è un alimento che accettano volentieri. Ognuno ha i suoi metodi, tra i più scelti c'è l’utilizzo di succhi di frutta o spremute che facilitano l’assunzione dell’alimento, grazie al loro sapore dolce e gradevole al palato dei più piccoli.   La melagrana è consigliata per i più piccoli? I nostri bambini crescono in fretta e sono sempre più impegnati in attività importanti per la loro e formazione. Spesso tutto ciò richiede una grossa quantità di energia che cerchiamo di compensare con snack facili e veloci da mangiare. L’alimentazione è fondamentale per loro, ed è importante saper equilibrare la loro dieta soddisfacendo bisogni senza venir meno a gusto e bontà. Le melagrane sono un frutto che a dispetto di quanto si possa pensare, è fortemente indicato per i bambini! I loro costituenti lo rendono paragonabile ad un elisir di lunga vita, nel caso si trattasse dei più piccoli, sarà un ottimo alleato per fortificarli e aiutarli nella crescita. Dar loro da bere una spremuta di melagrana al giorno sarà come avere un appuntamento fisso con il benessere. Non a caso viene chiamato frutto della salute: infatti, si tratta di uno degli alimenti più ricchi di vitamine e sali minerali che prevengono l’invecchiamento cellulare grazie alla presenza di sostanze antiossidanti e aiutano a contrastare l’insorgenza di allergie di stagione mediante vitamine del gruppo A e B. Inoltre i bambini sono soggetti con più rischio di malattie e infezioni, ma grazie all’elevato apporto di vitamina C, la melagrana aiuta a mantenere il sistema immunitario sempre pronto a contrastare malanni come influenza e raffreddore.   Un solo frutto di melograno, contiene circa il 20% dell’intero fabbisogno giornaliero di vitamina C di un adulto… Proprio un super frutto!   Il succo di melagrana inoltre, è ideale anche per le stagioni calde, funge da integratore naturale e fortifica i nostri bambini nello svolgimento delle loro attività anche in estate.   Dando da bere spremute di melagrana ottenute con il metodo HPP, un processo di spremitura ad alta pressione, che mantiene intatte tutte le proprietà benefiche del frutto, proprio come i succhi Lome, avrete donato benessere e salute al vostro bambino. Anche per i più inappetenti, la melagrana funge da stimolatore di appetito.     Lome ha a cuore i più piccoli e vuole il meglio per loro: per una merenda appetitosa, prova i succhi freschi e genuini ottenuti con le migliori tecnologie per conservare intatte le sostanze nutritive e benefiche del frutto. In molti gusti e formati potrete assaporare un prodotto delizioso, sano e 100% naturale.   Dona al tuo bambino benessere per farlo crescere sano e bello!   Vai sul nostro SHOP ONLINE e acquista le tue melagrane o i deliziosi succhi e riceverai comodamente a casa in pochissimo tempo il tuo ordine!  

Scopri di più

15 Dicembre 2020

Masseria Frutti Rossi ospite di Buongiorno Benessere su Rai 1

Il 12 dicembre è andata in onda la puntata della nota trasmissione Buongiorno Benessere su Rai 1 e la nostra Masseria Frutti Rossi è stata ospite del programma.   Durante la visita di Buongiorno Benessere abbiamo parlato di molte tematiche interessanti che riguardano il noto frutto special guest della nostra azienda Lome Superfruit: la melagrana. Scopri di più continuando a leggere l’approfondimento.   La storia e le origini della melagrana La pianta di melograno, originaria dell’Asia Minore, arrivò in Europa attraverso i viaggi marittimi dei mercanti fenici. In antichità era un frutto sacro alle divinità Venere e Giunone tanto da aggiungere il suo prelibato succo alla birra trasformandola in una magica bevanda salvifica.   Il melograno è una splendida pianta da frutto che ha trovato il clima ideale proprio nel sud Italia in particolare qui in Puglia. La pianta produce frutti rossi succosi e gustosi da mangiare. La nostra Masseria Frutti Rossi presenta diverse varietà per permetterci di allungare la stagionalità del frutto garantendo un maggior apporto durante l’anno. La Masseria offre la varietà Wonderful in particolare, che ha un periodo di raccolta più lungo che va fino a novembre e i suoi frutti vengono conservati in modo sicuro in 7.000 mq di celle frigorifere fino a febbraio/ marzo assicurando un prodotto fresco e pronto alla lavorazione.   Com’è fatto il frutto della melagrana e come si conserva La melagrana ha una splendida forma sferica con una superficie spessa di buccia che conserva e preserva il frutto al suo interno composto dagli arilli, piccoli bottoncini di color rosso brillante con una polpa succosa che fa bene alla nostra salute, oltre che alla vista grazie al suo aspetto vivace e accattivante. Dal sapore gustoso e prelibato, la melagrana è un frutto estremamente genuino grazie alle sue numerose proprietà. È facile da mangiare infatti basta incidere la buccia in quattro spicchi, aprirla e prelevare gli arilli freschi al suo interno o si può gustare con una spremuta. La conservazione è la classica in frigorifero, quindi dopo aver fatto la spesa nel supermercato di fiducia o sul nostro shop online che ti permette di ricevere comodamente a casa in poco tempo il tuo prodotto fresco o imbottigliato, la melagrana va messa in un luogo fresco dove può rimanere anche per più di una settimana.   Gustiamo la melagrana fresca o anche in deliziose pietanze Come si può mangiare la melagrana dopo aver prelevato gli arilli freschi dal suo interno? Scoprilo continuando la lettura!   Il meraviglioso frutto viene impiegato sia in cibi caldi che freddi, come le deliziose insalate magari arricchite con un filo di olio extravergine d’oliva, protagonista delle diete mediterranee, ma anche in deliziose bevande. La nostra Masseria Frutti Rossi ospita nello stabilimento un impianto di ultima generazione per produrre succhi al melograno 100% naturali grazie alla tecnologia di estrazione a freddo (HPP) che preserva intatte tutte le proprietà del frutto, come una spremuta appena fatta. Infatti questo procedimento ci permette di non utilizzare conservanti e zuccheri aggiunti per preservare la genuinità del prodotto.   Da sempre il frutto è simbolo di prosperità, fortuna e fertilità, probabilmente per le tante proprietà benefiche e salutari che la melagrana conserva. Per rivedere la puntata clicca qui.   Scopri i nostri prodotti freschi e lavorati sul nostro SHOP online e acquista comodamente da casa i tuoi preferiti.  

Scopri di più

04 Dicembre 2020

Olio d’oliva extravergine della nostra amata Puglia

Avrete sicuramente sentito dire, o letto su qualche articolo, che l’olio d’oliva Extravergine è migliore di quello senza dicitura “EVO”, ma vi siete mai chiesti come mai e quali sono le caratteristiche che rendono l’uno più “salutare” dell’altro?  In occasione del lancio del nuovo prodotto disponibile sul nostro shop online, il delicato e genuino olio extravergine d’oliva estratto a freddo a marchio Lome Super Fruit, vogliamo parlarvi di questo prodotto e delle sue caratteristiche che lo rendono così pregiato e desiderato da tutto il mondo.   Olio di oliva extravergine: le caratteristiche Si tratta di un prodotto che deriva dal frutto di un albero secolare tipico del Mediterraneo, l’ulivo, che è tra le specie arboree coltivate da più tempo, si pensa addirittura da ben 6000 anni. Le aree d’origine si suppone siano state quelle dell’Asia Minore, l’Altopiano Iraniano, le coste siriane e palestinesi. Da qui si è poi sviluppata la coltivazione anche in Italia, grazie alle colonie greche che portarono probabilmente l’usanza anche nella nostra penisola.   L’olivo è coltivato sull’intero territorio regionale della Puglia tuttavia, le condizioni microclimatiche differenti del tacco, hanno fatto si che nel tempo si sviluppassero numerose varietà, chiamate cultivar. In generale la Puglia, più di chiunque altro territorio italiano, offre un ambiente piuttosto favorevole alla crescita di questi alberi da frutto, diventati patrimonio nazionale e motivo di forte orgoglio.   L’olio è un prodotto estremamente versatile, infatti può essere impiegato in molti settori, non solo quelli gastronomici, ma anche nella cosmesi, mediante produzione di numerosi prodotti per la una del corpo.   La classificazione merceologica dell’olio Ora veniamo a noi: gli oli da olive sono disciplinati da un insieme di norme che ne definiscono le classificazioni merceologiche, l’etichettatura, la presentazione e i parametri chimici e sensoriali che ogni olio appartenente a una determinata categoria deve rispettare. Restringenti regole controllano l’effettiva classificazione dell’olio questo perché ad oggi è tra gli alimenti più a rischio di frode. Questo rende il nostro olio sicuramente un prodotto pregiato tanto da essere “imitato” da molti paesi, rendendolo vittima di numerose contraffazioni, come il Made in Italy. È per questo che sono state classificate le differenti categorie merceologiche per non lasciare nulla al caso e ciò al fie di tutelare un prodotto dalle importanti caratteristiche salutistiche e nutrizionali, quale è l’olio extra vergine di oliva, o semplicemente EVO.   La differenza tra olio d'oliva e olio extravergine  Secondo il Reg. CE 1513/01 sono definiti gli oli vergini di oliva, tutti gli oli ottenuti dal frutto dell’olivo soltanto mediante processi meccanici o altri fisici in condizioni tali per cui non causino alterazioni dell’olio stesso e che non hanno subito altri trattamenti all’infuori del lavaggio, della decantazione, della centrifugazione e della filtrazione, esclusi gli oli ottenuti mediante solvente o con coadiuvanti ad azione chimica o biochimica o con processi di miscelazione con olii di altra natura.   Date le linee più generiche del regolamento veniamo invece alle vere e proprie differenze che ci sono tra l’olio d’oliva e l’olio extravergine d’oliva. Per determinare nello specifico le differenze tra un olio d’oliva ed uno extravergine bisogna sapere quali sono i parametri tecnici per poter affrontare il paragone tra i due. Il principale parametro chimico, riscontrabili attraverso analisi, che un olio deve rispettare affinché si possa definire extravergine, è l’acidità libera, ovvero la percentuale di acidi grassi liberi contenuti nell'olio, che in un EVO non deve superare lo 0,8% su 100 g di prodotto. Altrettanto importanti però sono altre caratteristiche che determinano la qualità dell’olio, la sua classificazione merceologica ma soprattutto la sua vendibilità: Perossidi: si tratta di alterazioni che determinano lo stato ossidativo del prodotto, se in un olio è presente una quantità notevole di perossidi, si ha il fenomeno dell’irrancidimento dell’olio in genere dovuto ad una cattiva conservazione del prodotto. Una presenza di perossidi oltre il limite di 20 meq 02/kg rende l’olio non più vendibile. Assorbimento della luce ultravioletta: l’olio è un alimento molto sensibile alla luce, e proprio per questo viene conservato in bottiglie scure o recipienti impermeabili ai raggi ultravioletti. Esistono di conseguenza anche esami che accertano lo stato dell’alimento in base all’esposizione alla luce che determinano lo stato e la salubrità del prodotto. Composti antiossidanti: l’analisi evidenzia la presenza di composti fenolici e tocoferoli, che sono gli elementi antiossidanti presenti nell’olio. Un’alta presenza di questi due composti antiossidanti procura un importante dato sulla qualità del prodotto. Nell’olio d’oliva, detto vergine, che è il più comune subito dopo l’extravergine, il parametro più importante che ne determina la sua classificazione merceologica è proprio la quantità di acidità libera, che in questo caso deve essere al massimo di 2 g su 100 g di prodotto. Man mano che questo valore aumenta, scala anche la qualità e la salubrità dell’olio, fino ad arrivare al lampante che per gli alti valori di questi grassi liberi nei trigliceridi, non è affatto commestibile.   Fatta questa breve distinzione tra l’olio d’oliva vergine ed extravergine, si può certo dire che altri parametri sono fondamentali per valutare la qualità di un olio della stessa categoria merceologica. L'olio extravergine di oliva di qualità superiore infatti, dovrà avere un parametro molto importante valutabile con l’assaggio: la piccantezza. Il piccante è quella sensazione tattile pungente, che nel quotidiano viene percepita come quella sensazione di bruciore alla gola, caratteristica degli oli prodotti all'inizio della raccolta, prevalentemente da olive verdi o appena invaiate e comunque ricche di composti fenolici, che è un buon indice di qualità del prodotto.   La nostra Masseria Frutti Rossi, dato il successo ottenuto dai frutti freschi e dai succhi HPP, ha deciso di ingrandire il progetto aprendo le porte a questo meraviglioso prodotto della Puglia, l’olio extravergine d’oliva, buono e salutare, dal sapore intenso ma al tatto delicato per accontentare tutti i palati.   Scopri anche tu il nostro olio d’oliva extravergine estratto a freddo, tecnica che consente di non alterare le genuine e salutari proprietà delle olive sul nostro SHOP ONLINE e raccontaci la tua esperienza.

Scopri di più

03 Dicembre 2020

Una passeggiata tra i nostri melograni con Linea Verde

Lo scorso 29 Novembre le telecamere della nota trasmissione green, Linea Verde, sono venute a trovarci per scoprire quali eccellenze racchiude la nostra Masseria Frutti Rossi.   Il nostro Sales Manager Dario, ha raccontato da cosa è nato il progetto imprenditoriale Lome Super Fruit a filiera chiusa e integrale, e con quale frutto impegnare i nostri 300 ettari di terreno a pochi passi dalle coste ioniche di Castellaneta Marina.   Il frutto del melograno Sebbene la melagrana sia un frutto antichissimo che nei mesi autunnali e invernali regna sulle tavole di noi italiani da molto tempo, non è mai stato impiegato prima d’ora per coltivazioni di larga scala come la nostra attività ha iniziato a fare a partire dal 2012, piantando i primi alberi.   Un frutto composto da arilli dal colore rosso brillante ottimi da mangiare interi o per deliziosi succhi al melograno come quelli che la nostra azienda produce mediante estrazione a freddo mediante HPP.   Recenti studi hanno dimostrato che questo frutto viene classificato tra i superfruit grazie al suo potere altamente antiossidante, osservabile dal suo colore rosso intenso, quindi ricchissimo di antociani con effetto “anti age” per combattere radicali liberi, causa dell’invecchiamento cellulare.   La raccolta e lavorazione del frutto Come è possibile osservare dal video, lo stacco del frutto avviene a mano mediante un operatore che viene agevolato da uno strumento rendendo meno faticoso il lavoro. L’attenzione agli scarti è un altro punto di forza dell’azienda, questo perché i prodotti derivanti dalla lavorazione del frutto, vengono impiegati in un impianto di lombricompostabile. Tutto ciò che deriva dalla spremitura delle melagrane viene infatti introdotto in quest’area dello stabilimento per una prima macerazione naturale. In una fase successiva viene trasferito in una “lettiera” al di sotto della quale vi sono lombrichi che mangiando il semiprodotto lo digeriscono e ne deriva, mediante processo del tutto naturale, un humus che verrà reintrodotto nel ciclo agronomico.   Linea verde ha attraversato non solo le nostre terre ma siamo andati anche nell’interno dello stabilimento a pochi passi dalle coltivazioni per osservare insieme la lavorazione dei frutti. Grazie all’estrazione a freddo e alla stabilizzazione, mediante la tecnologia ad alte pressioni che conserva intatte le proprietà organolettiche del succo, vi sembrerà di bere un prodotto naturale senza aggiunta di conservanti o zuccheri, al pari di una spremuta appena fatta in casa.   Il video disponibile sul nostro profilo Facebook, vi mostrerà la Masseria Frutti Rossi e la sua bellezza nel periodo più importante dell’anno in cui avvengono raccolta e lavorazione delle melagrane. Vi offriremo anche immagini inedite dello stabilimento in piena operosità per farvi gustare a distanza il frutto che giornalmente lavoriamo nel pieno rispetto della sua naturalezza e salubrità.   Vienici a trovare virtualmente anche tu sul nostro SHOP ONLINE per scegliere i tuoi prodotti di stagione preferiti!

Scopri di più

12 Novembre 2020

Bacche di Goji: il superfruit raccontato dal produttore

In Cina sono denominate “diamanti rossi”, si tratta delle bacche di Goji, un frutto interessante sia per la sua storia millenaria che per le decantate proprietà benefiche. La leggenda narra che i monaci tibetani, in pellegrinaggio verso un tempio, bevendo l’acqua del pozzo in cui cadevano queste bacche rosse, acquistavano una salute di ferro. Nell’ occidente moderno vengono considerate un superfood, sarà vero? Scopriamolo insieme!   Dal lontano Oriente il frutto della longevità Col nome Goji si identificano le bacche di due specie botaniche molto simili: Lycium barbarum e Lycium chinense, della famiglia delle Solanacee di cui fanno parte anche pomodoro, patata, melanzana, peperone ecc. Le miracolose bacche sono coltivate da migliaia di anni nelle valli dell’Himalaya, in Tibet, in Mongolia e in molte province limitrofe e sono un elemento essenziale della medicina tradizionale cinese. L’origine del nome sembra avere radici lontane: infatti la parola Lycium (o Lykon) indica un succo amaro usato come medicina ottenuto con estratti di radice e arbusti di alcune piante a bacche. Si pensa che dall’Oriente giunse fino in Italia, come testimoniano antiche giare con la scritta “Lykium”, ritrovate nella città Taranto e risalenti al periodo in cui la città era colonia della Grecia Antica. Bacche di goji: tante proprietà e benefici per la nostra salute L’enorme apporto di vitamine, amminoacidi, grassi vegetali e sali minerali, gli conferiscono il nome di “bacche della salute”. Le bacche di Goji sono conosciute per i valori altissimi di antiossidanti che conservano, proprio come i mirtilli e la melagrana. Grazie alle proprietà antiossidanti, queste preziose bacche rosse aiutano a contrastare i radicali liberi, prevengono i tumori, abbassano il colesterolo, migliorano la qualità del sonno sono benefiche per la salute degli occhi. Le proprietà antinfiammatorie supportano il sistema immunitario, stimolano il metabolismo, regolano la quantità di zuccheri nel sangue e, a quanto pare, aiutano a dimagrire contrastando la cellulite. I valori nutrizionali delle portentose bacche È interessante sapere che 100 grammi di bacche di Goji disidratate forniscono le giuste calorie per completare il fabbisogno giornaliero durante spuntini o merende, contengono potassio, proteine e fibre salutari per una corretta chilificazione. Apportano il 4% del calcio e il 17% del ferro raccomandati rispetto all’assunzione giornaliera RDA (dose giornaliera raccomandata). Una porzione di frutti freschi invece, contiene carboidrati, fibre ed è ricco di vitamina A e C. La quantità giornaliera consigliata è tra i 15 e i 45 grammi di bacche di Goji essiccate al giorno, dopo averle reidratate in acqua o nello yougurt. Le bacche essiccate sono le più comuni in commercio ma abbiate cura abbiano subito un’essiccazione naturale al sole per conservarne meglio tutte le preziose qualità. In alternativa, si può bere un buon succo al 100% di bacche di Goji. Nel periodo della raccolta, che generalmente accade tra luglio e ottobre, si possono trovare frutti freschi provenienti da agricoltura biologica, come nella nostra azienda a Km 0.   Quando è meglio assumere le bacche di goji Il momento migliore per mangiare queste bacche è durante la prima parte della giornata e in particolare a colazione, quando il nostro fisico ha un maggiore bisogno di energia e quindi di zuccheri, che smaltirà durante la mattinata. Per beneficiare dei loro poteri nutrizionali sarebbe bene essere costanti e assumere giornalmente le giuste quantità descritte, per almeno 3-4 settimane per vedere i primi risultati. Sbizzarritevi pure nel creare ricette nuove e gustose con questo speciale “elisir di lunga vita”. Aggiungetele alle vostre macedonie di frutta mista o allo yogurt per uno spuntino leggero e spezza-fame, aggiungetele al vostro muesli o alle barrette energetiche fatte in casa, guarnite i vostri dolci preferiti o mettetele in infusione per una tisana.   Dove acquistare bacche di goji fresche o essiccate Grazie alla nostra tenuta che dispone di numerosi ettari a pochi passi dal litorale ionico e grazie al clima piacevole e mitigato, idoneo alla coltivazione di queste piante, Lome Superfruit ha realizzato confezioni in diversi formati di bacche di goji essiccate o fresche. Corri sul nostro SHOP ONLINE e acquista subito i nostri prodotti bio e a km zero!   Buon appetito!  

Scopri di più

09 Novembre 2020

Melagrana, ecco perché è un supercibo

Da più di cinque anni registra vendita in continua crescita e offre qualità e caratteristiche organolettiche omogenee 356 giorni all’anno: parliamo della melagrana, il superfood con una marcia in più.

Proprio la melagrana, elisir di salute, è stata protagonista della diretta Facebook a cura di Italia Fruit News, in un incontro che ha visto la partecipazione di Dario De Lisi, sales marketing manager di Masseria Fruttirossi e Lome Super Fruit, Giampaolo Ferri, responsabile acquisti ortofrutta di Coop Alleanza 3.0 e Dario Vista, biologo nutrizionista. TUTTI I BENEFICI DELLA MELAGRANA Tanti gli aspetti emersi dalla tavola rotonda: prima di tutti gli aspetti salutistici di questo prezioso frutto: le molecole antiossidanti presenti nella melagrana (punicalagina, enoteina, ecc.) hanno infatti una marcia in più nel favorire il benessere fisiologico dell'organismo e contrastare patologie come il diabete e alcuni tipi di tumori. Occorre quindi che sia i produttori che la Gdo trovino il modo di comunicare con semplicità ai consumatori finali le incredibili proprietà del frutto, suppur nel rispetto normativa Ue, rigida riguardo i claim salutistici.

La strada potrebbe essere quella di inserire foglietti informativi nelle confezioni e sfruttando le ampie possibilità che offre il web. Secondo Roberto Della Casa è proprio l'informazione verso il consumatore l'elemento cruciale per promuovere il consumo di melagrane, così come l’offerta continuativa per 8-9 mesi l'anno di prodotto fresco e di arilli per le melagrane da bere (succhi non da concentrato ed estratti a freddo Hpp), come riesce a fare Masseria Fruttirossi con il brand Lome Super Fruit. COME E QUANDO CONSUMARE LA MELAGRANA Quando è meglio consumare la melagrana? Durante la diretta Dario Vista, biologo nutrizionista, ha sottolineato l’importanza di un consumo quotidiano di frutta, unica fonte naturale di vitamine per l’organismo”. La melagrana, nello specifico, oltre a essere ricca di antiossidanti, vanta in particolare un alto contenuto di vitamina C, vitamina K, vitamine del gruppo B e potassio e, per evitare di disperderne il potenziale, è consigliato consumarla lontano dai pasti principali.   Scopri le malagrane, i succhi e gli estratti Lome SuperFruit e comprarli direttamente dal nostro sito online per gustarli in pochissimo tempo, visita il nostro SHOP!

Scopri di più